Marcello Baldari

ARTIST HISTORY MARCELLO BALDARI

BIO

Marcello Baldari (nato a Torino il 9 Gennaio 1987) è un 3D Character Artist.
Nel 2007 si interfaccia quasi casualmente con i primi software 3D e da lì inizia, da
autodidatta, il suo percorso artistico.
Un anno dopo si sposta a Milano e lavorando presso uno studio di post-produzione, scopre e si innamora di Zbrush, il noto programma di scultura digitale.

Inizia così a studiare scultura, anatomia e tutte le tecniche per liberare e dare forma alla sua
creatività.
Nel 2013, dopo alcune esperienze lavorative ed un Master, dà vita ad uno stile scultoreo tutto
suo, il Polysketch, che lo porta ad entrare nella Top Row Gallery di Zbrush e
successivamente ad esporre una sua opera presso la Biennale di Venezia.
In quegli anni lavora come freelance e si dedica all’insegnamento presso alcuni istituti tra
Torino, Milano e Genova. Insegnare lo aiuta a raggiungere una certa maturità artistica mentre
i sempre più frequenti lavori, in cui ricopre il ruolo di supervisor ed il contatto diretto con i
clienti lo spingono, sempre più, verso l’imprenditoria.
Nel 2021, insieme ad alcuni fidati colleghi, fonda EdgeFx: lo studio creativo ha l’obiettivo di
imporsi sul mercato digital realizzando video commercial ad alto livello qualitativo e applicativi
legati al mondo del gaming.

ARTISTIC JOURNEY

Step 1.

Polysketch: lo stile unico con cui Marcello realizza gran parte dei suoi lavori.
La caratteristica principale dello stile è il forte dinamismo e la sensazione di movimento che si
avverte nell’osservare le opere. I soggetti, ispirati dall’immaginario del mondo gaming o delle
graphic novel, sono rappresentati in maniera istintiva come delle gesture. La gesture è un
disegno di rapida esecuzione che ha lo scopo di immortalare con gli occhi un soggetto in
movimento. La particolarità del Polysketch è di essere realizzata attraverso la scultura digitale
e non il semplice disegno a mano libera.

Step 2.

Marcello col tempo accresce le sue competenze anatomiche e tecniche esplorando la
ritrattistica ed il fotorealismo in completo contrasto con l’essenzialità del Polysketch.
La sfida nel rendere vivo un qualcosa di completamente sintetico come un’opera digitale l’ha
da sempre intrigato, infatti nel suo settore il fotorealismo applicato alla ritrattistica è forse uno
degli scogli più grandi che un Character Artist deve e vuole superare.

Next Step.

La sua attuale sfida è riuscire a far comunicare queste due tecniche, Polysketch e

fotorealismo applicato ai characters ed alla ritrattistica, cercando di creare una fusione tra le
stesse. Questa volontà del voler mixare i due stili la si può iniziare ad osservare nei suoi ultimi
lavori orientati sempre più verso il Next Step tutto da scoprire…

Riascolta AMA

Some of Works